April 21, 2018

April 20, 2018

April 10, 2018

Please reload

Recent Post

Un toro lanciato a velocità da F1

May 2, 2018

1/10
Please reload

Highlight

FOREX - IL PUNTO MACROECONOMICO

Il Dollaro statunitense ha corretto con decisione al rialzo durante la sessione asiatica dopo il crollo di ieri, una mossa apparentemente guidata dagli effetti collaterali delle proccupazioni geopolitiche relative alle prospettive di aumento del tasso di interesse del 2018. I dollari australiano e neozelandese hanno subito perdite estreme, invertendo le dinamiche di trading della giornata precedente. Lo Yen giapponese, bene rifugio per eccellenza, ha ceduto terreno con l’azionario in crescita negli scambi regionali.

L’intervento programmato del presidente della BCE, Mario Draghi, nell’ambito del forum della banca centrale in materia di vigilanza bancaria è stato l’elemento di spicco su un calendario europeo altrimenti piuttosto scarno nella giornata di oggi.

Draghi ha affermato: “Attualmente qui la questione più importante è gestire le sofferenze” ha detto Draghi durante una conferenza. “Di conseguenza abbiamo bisogno di uno sforzo congiunto da parte delle banche, dei supervisori, dei regolatori e delle autorità nazionali per affrontare tale questione in maniera ordinata, prima di tutto e soprattutto creando un ambiente in cui gli Npl possano essere efficacemente gestiti e ceduti in maniera efficiente”.

Nel corso del suo intervento Draghi ha poi affermato che a livello locale sono emerse alcune sacche di rischio bancario, ma sia i supervisori sia le autorità macroprudenziali si stanno attivamente muovendo per contrastarle.

Il numero uno della Bce ha, inoltre, affermato di avere scarsa evidenza del fatto che i tassi di interesse negativi stiano mettendo a rischio la redditività delle banche e che non ci sono segnali di una bolla residenziale alimentata dal credito facile.

Il calendario statunitense non è più eccitante, con una manciata di pubblicazioni e un discorso del vice presidente Randal Quarles. È probabile che nessuno di questi appuntamenti faccia emergere novità sull’aumento del tasso di interesse americano, come sulle prospettive di riduzione delle imposte.

Le aspettative sul passaggio della riforma fiscale saranno probabilmente il catalizzatore definitivo per il greenback nel corso di questa settimana.

Il Senato dovrà infatti presentare questa settimana la sua versione della riforma fiscale, il cui timing risulta finora poco chiaro.

Oggi il tentativo della Casa Bianca di convincere i democratici a sostenere la versione del piano, con diversi legislatori del GOP che rompono le linee di partito per opporsi alla versione prodotta dalla Camera dei Rappresentanti.

I trader monitoreranno le informazioni emergenti dall'incontro con estremo interesse.

 

AVVERTENZA:

 

Le informazioni, le analisi e strategie operative e il materiale informativo e promozionale quivi disponibili sono redatti in completa autonomia da ICE Market Partners LLP (ICEMP) e sono finalizzati a fornire un servizio di robo-advisor (consulenza ad incertam personam) per la promozione di tre diversi portafogli modello creati da ICEMP e basati rispettivamente su strumenti FX.

 

Tale servizio non costituisce offerta al pubblico di strumenti finanziari e, pertanto, qualsiasi decisione di investimento e il relativo rischio rimangono a carico del potenziale investitore.

 

ICEMP declina ogni responsabilità in merito a operazioni effettuate dai clienti sulla base delle informazioni, analisi e strategie operative e materiale informativo e promozionale quivi pubblicati.

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Follow us