April 21, 2018

April 20, 2018

April 10, 2018

Please reload

Recent Post

Un toro lanciato a velocità da F1

May 2, 2018

1/10
Please reload

Highlight

The Future is GOLD

September 20, 2017

ANALISI INTERMARKET

 

In un’ottica di lungo periodo le valutazioni del metallo giallo cominciano ad apparire interessanti non tanto in termini di confronto con il Dollaro, quanto soprattutto se paragonate all’evoluzione dell’S&P 500 o al Dow 30. Nel lunghissimo periodo, come noto, i cicli del mercato azionario e quelli dell’oro tendono ad essere contrapposti: ad esempio, come negli anni ’70, la straordinaria avanzata dell’oro, che riuscì in un decennio ad aumentare di quasi 20 volte il proprio valore, il successivo Mega-Bull Market azionario partito nel 1982, si associò ad una andamento cedente dell’oro, che ripiegò fino a 250/270$/oncia. Fu solo da questi livelli, che, tra fine 1999 e inizio 2000, tutt’altro che casualmente in abbinamento allo stop dell’ascesa delle borse, si assistette al rilancio del ciclo rialzista sull’oncia, durato fino al 2011, con il record assoluto del settembre 2011 a 1.921$. Gli ultimi sei anni, da manuale, hanno registrato l’accelerazione negli indici azionari (l’S&P 500 ha di fatto più che raddoppiato il suo valore da settembre 2011 in poi), mentre l’oro ha gradualmente ripiegato, arrivando in alcuni momenti a sfiorare anche cadute del 50% dai massimi assoluti. L’ultimo anno sta registrando una graduale reinsorgenza di tendenze accumulative sul metallo giallo, che troverebbero conferma in caso di salita sopra l’area 1.350/1.380$/oncia, indirettamente lanciando segnali preoccupanti per l’indice azionario. Se poi si effettua una valutazione comparata, in termini semplicistici, tra Dow 30 e quotazioni dell’oro, basata semplicemente sul rapporto in punti tra livello dell’indice americano e il valore dell’oncia si può osservare come, tale differenziale si sia mosso in trading range tra 18 punti (sopravvalutazione relativa del Dow) e -5 (sopravvalutazione relativa dell’oro) e come adesso tale rapporto sia lontano dalla media storica centennale pari a 10 e poco lontano dai massimi raggiunti nel 2006/2007, allorché, tutt’altro che casualmente, venne raggiunto importante massimo di lungo periodo sugli indici di borsa e si assistette in parallelo alla partenza di un potente Bull Market superciclico sul metallo giallo.

 

ANALISI TECNICA 

 

Quadro settimanale e giornaliero ampiamente rialzista. Il movimento attuale si configura come un semplice rintracciamento. Cercare ingressi LONG o per lo meno qualora si volesse tentare lo SHORT sulle resistenze mitigare il rischio attraverso l’adozione di logiche di dimensionamento dell’esposizione.

Su TF 4H è stato ripristinato il 1.313$. I primi TP sono in area 1322-1324$. Su TF Daily un primo trade potrebbe essere fatto in giornata sfruttando riavvicinamenti in area 1.3154 con primo TP 1.327$ e SL qualche decimo di punto sotto il minimo della candela di ieri. Tenere alta l’allerta qualora il movimento ribassista in corso tenti estensioni verso quota 1.295$ (POC del mese di agosto e supporto mensile). Tale livello rappresenterebbe una buona opportunità per costruire una posizione multiday con primo TP 1.400$.

 

Legenda: linee in nero corrispondono livelli mensili; linee tratteggiate corrispondono ai livelli attivati; media mobile a 21 giorni in rosso; media mobile a 55 giorni in verde; media mobile a 200 giorni in nero; DEMA a 21 giorni in arancio; LRS a 18 giorni in blue. Dati EOD aggiornati alla chiusura del 12-09-17.

 

AVVERTENZA:

Le informazioni, le analisi e strategie operative e il materiale informativo e promozionale quivi disponibili sono redatti in completa autonomia da ICE Market Partners LLP (ICEMP) e sono finalizzati a fornire un servizio di robo-advisor (consulenza ad incertam personam) per la promozione di tre diversi portafogli modello creati da ICEMP e basati rispettivamente su strumenti azionari, obbligazionari, indici, valute, commodities ed altri derivati.

Tale servizio non costituisce offerta al pubblico di strumenti finanziari e, pertanto, qualsiasi decisione di investimento e il relativo rischio rimangono a carico del potenziale investitore.

ICEMP declina ogni responsabilità in merito a operazioni effettuate dai clienti sulla base delle informazioni, analisi e strategie operative e materiale informativo e promozionale quivi pubblicati.

Share on Facebook
Share on Twitter